Pokerissimo Juve, Livorno distrutto

Esordio più che positivo della Juventus nella prima gara in serie A dopo l’annus horribilis seguito a Calciopoli. I bianconeri battono 5-1 il Livorno, grazie alla tripletta di Trezeguet e ai due gol di Iaquinta. Grande gara degli uomini di Ranieri, che non hanno concesso molto in difesa. Poi nel finale la Vecchia Signora dilaga e punisce oltre i reali demeriti gli amaranto, nonostante il gol della bandiera di Loviso.

LA PARTITA

Un ritorno trionfale, come quello sperato dal “curioso”, stando alle sue parole, Ranieri bianconero. Cinque reti per battezzare la nuova era, per riabbracciare con calore il calcio che conta e mandare un messaggio a scettici e rivali: la Juventus c’è e ci sarà per tutto l’anno. Dovranno fare i conti con questa Vecchia Signora, azzoppata da uno scandalo senza precedenti e rimessasi in piedi senza timore. Ci sarà da tenere d’occhio questa squadra, a metà tra l’operaia e la sciantosa, che sembra aver trovato subito un’amalgama in grado di evitare fastidiose e fatali perdite di tempo e punti in avvio di stagione. Non è tutto perfetto, sarebbe troppo perfino per la Signora del pallone, ma in pochi pensavano che potesse uscire il ‘cinque’ sulla ruota di Torino in questo sabato d’agosto. Eppure, Ranieri deve stropicciarsi gli occhi, darsi un pizzicotto e abbozzare il secondo sorriso della sua avventura bianconera, dopo quello seguito alla firma del contratto in Corso Galileo Ferraris. Il Livorno non ha opposto grande resistenza, certo, ma cinque gol non arrivano tutti i giorni e nemmeno con un avversario che entra in confusione.

Trezeguet, poi, firma la ‘nuova’ serie A bianconera e batte tre colpi, utili sia per la classifica marcatori che per il morale, suo e della truppa. Tre gol del franco-argentino e due di un vero esordiente, quel Vincenzo Iaquinta che, entrato al posto di capitan Del Piero, ha messo subito in chiaro che il vizio del gol è sempre quello. Già, il numero dieci è forse l’unica faccia poco allegra della serata bianconera, sia per la sostituziuone che per il fatto che la festa vera sia iniziata quando restavano solo gocce di nostalgia a ricordare il suo passaggio. Non è però la serata delle smorfie, non in casa Juve. Il Livorno guarda amaro quella mezz’ora di calcio apprezzabile, specie in chiave difensiva, ma deve recitare il mea culpa per il crollo finale che ha macchiato la prima di stagione. La goleada non fa mai bene, tanto meno quando ferisce e tramortisce l’entusiasmo dell’avvio. Dall’altra parte, per lo stesso motivo, l’euforia può tornare di moda, sempre attenti a non farsi contagiare troppo da un incipit che nemmeno la curiosità di Ranieri poteva immaginare.

FONTE: TGCOM

COMMENTO PERSONALE
Davvero contento di questa bella partenza vedremo cosa riusciranno a fare in questa stagione. Certo che se metteranno la grinta espressa lo scorso campionato in una serie B, che non è affatto facile come molti pensano, ne vedremo delle belle.
In bocca al lupo dunque per il proseguio del campionato e soprattutto… FORZA JUVEEEEE!!!!

Recensione: Lettore MP3/MP4 Melody 4GEEK

Ho recentemente realizzato e pubblicato una recensione sul lettore Melody 4GEEK 2GB, gentilmente offertomi da Youbuy.
Pubblicato sulle pagine di TechTown.it la ripropongo qui in formato html e pdf scaricabile da qui.
Buona lettura!

RECENSIONE
Quest’oggi (martedì 31 luglio) mi è arrivato a casa il lettore MP3/MP4 Melody 4GEEK.
Il pacco mi è stato gentilmente inviato da Youbuy, per i quali ho accettato ben volentieri di scrivere una recensione.
Premetto subito che sono un felice possessore di iPod Video 30GB e che ho accettato di scrivere un articolo, un po’ anche con la curiosità di testare questo gadget che ricalca “fedelmente” l’aspetto di un iPod Nano.
Ero dunque curioso di metterlo alla prova e vederlo in azione!
Ecco il pacco, completo di imballo anti-urto all’interno, onde evitare problemi di danneggiamento del materiale.

Il pacco includeva oltre a tutto lo stretto necessario del lettore Melody, anche un omaggio: un sempre comodo e utile porta cd 24 posti.
Passiamo ora pero’ ad elencare in dettaglio il contenuto della confezione del dispositivo 4GEEK:
● cavo usb 2.0
● alimentatore da parete
● auricolari (colore nero)
● cd con software e driver
● manuale rapido con istruzioni rigorosamente in italiano
● lettore mp3 mp4 di colore verde
● garanzia card

Continue reading

Neonato trovato morto nel fossato

Tratto dal Gazzettino di oggi.

Macabra scoperta sul Rio Gorgo, una canaletta di scolo che costeggia una via di campagna di Cagnola, frazione di Cartura
Neonato trovato morto nel fossato
A lanciare l’allarme, ieri pomeriggio, è stata una donna che abita in un casolare poco lontano

Il cadavere di un neonato è stato trovato nelle acque di un canale, il Rio Gorgo, che costeggia una via di campagna a Cartura. Secondo un primo esame, il piccolo sarebbe venuto alla luce appena alcune ore prima del ritrovamento. Solo l’autopsia potrà però stabilire se il piccolo era già morto al momento della nascita o sia stato stato gettato in acqua ancora vivo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco che hanno recuperato il corpicino. La presenza del corpicino, ieri alle 17,30, è stata segnalata da una donna residente nella zona. La donna stava percorrendo l’argine, probabilmente mentre stava facendo ritorno a casa, quando si è accorta di qualcosa nell’acqua che l’ha insospettita. Poi la triste scoperta. La zona del ritrovamento è abbastanza isolata visto che le prime case sono a qualche centinaio di metri di distanza. Un particolare che certo non appare utile alle indagini. Il piccolo, sempre secondo le prime informazioni, pare fosse parzialmente coperto da una specie di lenzuolo. In queste ore, gli investigatori stanno raccogliendo i vari elementi che potrebbero risultare utili per giungere all’identificazione della madre. Sarà anche da stabilire chi abbia gettato materialmente in acqua il neonato, se cioè la stessa madre o se sia stata aiutata da qualcuno. Le indagini sono coordinate dal pm di turno che conferirà l’incarico per l’esame autoptico. I carabinieri hanno anche provveduto ad allertare i pronto soccorso e le strutture mediche della zona, e non solo, nel caso ci fossero state richieste di aiuto per problemi post parto.

Impossibile non scrivere due parole a riguardo della cosa, visto che è avvenuta a due passi da casa, praticamente nella mia via. Verso cena infatti ieri sera mio padre si è accorto della presenza dei pompieri parcheggiati davanti casa del nostro vicino. Era presente inoltre una pattuglia di carabinieri all’imbocco della via che costeggia il fiumiciattolo in questione.
Si è quindi diretto dall’altra parte della strada per vedere che non fosse successo qualcosa di grave. Poco dopo è tornato e ci ha raccontato cosa gli aveva riferito il nostro vicino. Al che stupore e sdegno… al giorno d’oggi mi viene incredibile pensare che possano succedere ancora di queste cose.
Si potrebbero spendere fiumi di parole sul chi sappia o non sappia che le donne possono partorire e lasciare in sicurezza e completo anonimato i loro bambini anche all’interno delle strutture ospedaliere.
La verità è che basta un briciolo di umanità anche solo per lasciarlo in luogo sicuro e dove possa essere trovato davanti alla porta di casa di qualcuno o in una chiesa… è forse chiedere troppo?
No invece le cronache quotidiane continuano a fornire storie di neonati abbandonati in cassonetti, sui cigli della strada, nei fossi.
La domanda che mi pongo e che vi pongo… Cosa fareste a questi stronzi che si macchiano di una simile infamia se vi capitassero sotto le mani? Io un’idea ce l’avrei.

P.S: non commento nemmeno il servizio tv frettoloso e alquanto impreciso visto sul TG5… hanno sbagliato perfino il nome del paese…Caltura e non Cartura. Più accurato invece quello visto sul TG1, lo stesso realizzato per il TGR Veneto di Raitre.

WIMAX Libero! Firmate la petizione!

Siamo già quasi a quota 102.000 firme e credo sia importante diventino sempre di più, onde evitare di ridurci “all’italiana” anche sulla questione WiMax. Non credo sia il caso che le frequenze finiscano in mano ai “soliti noti.
I punti della petizione:

  • che non si proceda alla totale destinazione del gruppo di frequenze interessate dalla tecnologia WI-MAX – 3.4 <–> 3.5 Ghz (inizialmente rilasciati in un gruppo di 35 + 35 Mhz) – o lotti delle stesse, per uso commerciale regolamentato o meno da licenze in obsoleto stile telefonico con conseguente totale chiusura dello spettro radio oggetto di concessione.
  • che venga destinato, da subito, una parte dello spettro radio dichiarato – o che verrà dichiarato – disponibile per la tecnologia a LIBERO USO da parte dei singoli cittadini anche in forma associativa SENZA FINI di LUCRO; ciò regolando naturalmente la concessione d’utilizzo (come già avviene per altre tipologie radiantistiche), senza però che tale regolamentazione possa costituire vincoli di sorta alle caratteristiche intrinseche della tecnologia stessa (diffusione, accesso, interoperabilità, multicanalità, portata, ambito applicativo, ecc…).
  • che la citata porzione di frequenze LIBERE come da precedente punto (2), non sia mai inferiore ad 1/3 dell’intero spettro disponibile; che tale assegnazione sia prioritaria, o comunque non secondaria in termini temporali, rispetto all’eventuale assegnazione di frequenze per uso commerciale.
  • che la citata porzione di frequenze LIBERE come da precedente punto (2), non sia soggetta ad alcun tipo di tassazione diretta od indiretta, ovvero che l’importo della eventuale stessa sia contenuto in importi opportunamente minimi, considerando l’uso personale cui è destinata.
  • che lo Stato Italiano si faccia sostenitore di analoga proposta presso i competenti organi Europei, con lo scopo di coinvolgere l’intera Comunità sul tema WI-MAX e permettere/promuovere così un’eventuale diffusione dello spettro di frequenze libere nell’intero ambito comunitario, realizzando di fatto un primo passo di armonizzazione in tema di “Società dell’Informazione”, nel pieno rispetto degli intenti Comunitari riassunti.

    FIRMATE QUI!

  • Relakks powered!

    Da ieri sono ufficialmente “Relakks powered” 😀
    Espressione che sottointende il fatto che ho acquistato l’abbonamento mensile a Relakks.
    Come riporta l’ottima guida pubblicata su P2PForum :
    Relakks e’ un servizio commerciale che tutela la tua privacy. Sponsorizzato dal Partito dei Pirati svedese, il servizio offre una VPN cifrata per rendere il proprio traffico anonimo. Detto in altre parole, il traffico internet in uscita dal nostro PC passa tutto (attraverso una connessione cifrata) per un server ad altissima velocita’ (senza limiti di banda) che poi lo redirige verso l’esterno, un po’ come farebbe un proxy. Il nostro ip di uscita non sara’ quello del nostro internet provider, bensi’ quello svedese...”
    Questo giusto per darvi un’idea, fate cmq un salto a leggervi il topic che è veramente esplicativo.

    Prima impressione personale: OTTIMO!
    Ho effettuato il download di giga di dati per testing della velocità e la stabilità della connessione.
    Nella giornata di ieri ho scaricato ben 3.5 – 4 GB di dati senza alcun tipo di interruzione e oggi ho replicato l’esperimento.
    La banda è esattamente la stessa che fornisce l’ISP, nel mio caso Telecom Italia con l’abbonamento Alice 2mbit.
    Ho effettuato un test anche con un file torrent da qualche centinaio di mega, una iso di Ubuntu Server 7.04 e tutto è filato per il meglio 😉
    Prossimo test sarà verificare come funziona Emule.
    Son curioso di vedere se queste caratteristiche del servizio rimarrano tali per tutto l’arco del mese o se è soltanto un “effetto paradiso” dovuto ai primi giorni di iscrizione.
    Per 6 euro direi che può essere interessante fare una prova… a voi la scelta 😀

    LINK: https://www.relakks.com/

    Ebay e venditori non troppo corretti

    Pubblico volentieri la “brutta” esperienza di Luca che si è iscritto a ebay per l’acquisto di un paio di banchi nuovi di ram per il proprio portatile poco tempo fa.
    Il titolo come da lui suggeritomi potrebbe essere “COSE DA NON FARE SE SEI UN NUOVO UTENTE EBAY: Lasciare un feedback neutro ad una persona con feedback alto!“.
    Riassumo brevemente i fatti come sono andati:
    1. Il pc di Luca, monta banchi di ram SODIMM 2100. Luca decide l’acquisto di un paio di banchi SODIMM PC2700 per il proprio notebook, che l’inserzione dava come retrocompatibili con tutte le schede madri che montano PC2100, e quindi pensa che queste ram possono andare bene.
    2. Effettua il pagamento dopo aver “vinto” l’asta col classico “Compralo subito”
    3. Riceve le Ram ma dopo averle montate e aver fatto svariate prove anche con altri notebook nota una incompatibilità con il proprio pc e non solo. In generale su 2 portatili che montano SODIMM PC2100 non funzionano, mentre su tutti quelli che montano le PC2700 vanno.
    4. Prova a segnalare la cosa al venditore che pero’ non è intenzionato a riprenderle indietro.
    5. Decide così di lasciare feedback neutro “Venditore Ok. Ram nn funz con tutti i PC che usano PC2100. E non si restituisce!
    6. Il venditore commenta come segue “commento da incompetente, il funzionamento dipende dal voltaggio richiesto” e lascia feedback negativo “Spara a zero su un prodotto che non conosce dopo proposta di rimborso parziale.”
    7.
    Luca scrive una mega mail in cui punto per punto spiega cosa ha fatto e perchè, specificando quanto sia fuoriluogo chiamarlo incompetente e dove richiede spiegazioni competenti sulle motivazioni per le quali questa super ram non funziona.
    8. Il venditore dopo di questa risponde che aveva proposto un rimborso parziale (non assolutamente vero), e spiega le sue motivazioni del feedback dicendo che l’italiano era un po’ equivoco, e che per come era scritto si poteva evincere anche che la totalità delle ram non funzionava su schede che montano ram PC2100, e che “se non mi va bene il feedback, posso anche richiedere ad e-bay di eliminarlo”. Preso dall’impressione di parlare con un muro di gomma Luca lascia perdere e si tiene la ram.
    9. Luca, dopo 1 settimana, non riceve alcuna giustificazione tecnica sul mancato funzionamento della ram, pertanto ha intenzione di ritirare il feedback.

    La mail scritta da Luca è disponibile qui.
    Ho oscurato il cognome del venditore e non ho volutamente fatto riferimento al suo id ebay.
    La mia opinione personale in merito è che il venditore è stato decisamente scorretto nel non riprendere indietro la merce. Tempo fa mi successe una cosa simile con un paio di banchi da 1 giga, si rivelarono incompatibili con la scheda madre mia e di un mio amico. Il venditore però in quel caso si rivelò corretto e riprese indietro le ram restituendo l’importo.

    P.S: Thx a Luca per le correzioni alla prima bozza del post 😉

    TIP: Riattivare l'editor WYSIWYG in WordPress

    Non usavo più da molto l’editor visuale di WordPress, l’avevo disattivato parecchio tempo fa in favore della sua versione leggera “code” quando avevo avuto nei primi tempi problemi di inserimento dei video YouTube.
    Oggi mi son detto “perchè non riattivarlo?!”. Cerco qua e là nelle opzioni e in gestione tra le varie voci ma non riesco più a localizzarlo.
    Una breve “googlata” ed ecco scoperto l’arcano.
    Nel caso vogliate attivare/disattivare/riattivare l’editor wysiwyg basta andare nella sezione Utenti, cliccare sulla voce modifica relativa al vostro utente admin o chi posta, spuntando infine la voce “Use the visual editor when writing“.
    Alla prox!

    Eclipse Visual Editor Project: interfacce grafiche facili!

    Quando si è abituati a programmare usando un determinato IDE si tende a preferirlo ad altri perchè magari le alternative le si è prese in esame in maniera poco approfondita. E’ il mio caso, ma penso di non essere l’unico 😉
    Per sviluppare in Java ho praticamente usato quasi sempre Netbeans, più che altro perchè lo uso fin dalle prime versioni e poi perchè penso la curva di apprendimento nello sviluppo di applicazioni grafiche sia veramente rapida.
    Mi è capitato di usare anche Eclipse anche se più sporadicamente (l’ho usato anche al tempo della tesi di laurea triennale), ma non ho mai approfondito troppo il suo utilizzo, specie per quanto riguarda lo sviluppo di GUI.
    Adesso che sto lavorando sulla tesi specialistica e che per svariati motivi ho cominciato a lavorare con Eclipse, ho detto vediamo com’è lo sviluppo di interfacce grafiche, visto che molto probabilmente dovro’ riscriverne una.
    Ho scoperto cosi’ il Visual Editor Project.
    Semplicità e immediatezza sono le parole chiave, certo devo ancora testarlo approfonditamente ma la prima impressione che ho avuto è più che positiva.
    Per installare il framework potete tranquillamente far riferimento a questo ottimo screencast disponibile sul web:
    Installing and Using Eclipse Visual Editor
    Vedremo se Eclipse riuscirà a scalzare Netbeans nella lista dei miei IDE preferiti! 😀

    Abolizione Canone Telecom sulla fonia e sulla linea solo dati

    Riporto e segnalo volentieri questa iniziativa di Anti Digital Divide per l’abolizione del canone Telecom sulla fonia e sulla linea solo dati.
    A questo link potete firmare anche voi la petizione e dare un occhio alle informazioni in merito alla proposta riportate dall’associazione. Firmatela!
    Grazie a Carlo per la segnalazione 😀