Microsoft rilascia il Family Safety Filter

Mercoledì Microsoft ha lanciato una beta di Windows Live OneCare Family Safety, un aggiunta alla sua suite di sicurezza mirata a proteggere le famiglie online. L’applicazione include tecnologie per il filtraggio dei contenuti, così come la gestione dei contatti, i report delle attività e delle guide alla sicurezza online.

“Internet offre fantastiche opportunità per esplorare ed imparare, e OneCare Family Safety punta ad assicurare che quelle opportunità non siano limitate a causa di contenuti discutibili” così mercoledì ha detto la compagnia in un blog. “Microsoft è focalizzata nel migliorare il nostro nuovo servizio OneCare Family Safety e speriamo che lo proverete e ci offriate le vostre oponioni sulle sue caratteristiche e usabilità”.

Microsoft offre la pre-RC1 beta di Vista

Nonostante il comunicato che ne affermava la non disponibilità pubblica, Microsoft lunedì ha rilasciato la Windows Vista Build 5536, scaricabile da chi si fosse già iscritto per il Beta 2 Customer Preview Program. La sfida: solo 100.000 visitatori potranno scaricarla prima che il link sia disattivato.

La 5536 è una pre-RC1 build, che è stata rilasciata la settimana scorsa e che ha ricevuto buone critiche anche dai più duri avversari. La decisione di offrire il download pubblico sembra fatta per testare le infrastrutture prima che la RC1 faccia il suo debutto pubblico ufficiale. Dopo il non aver saputo gestire la richiesta per la vista Beta 2, Microsoft ha incaricato Akamai di ospitare la prima release candidate.

Configurare un Cisco 837

Come anticipato qualche post sotto ecco qui il documento pdf in cui spiego passo a passo come configurare in maniera base un router adsl Cisco 837 per collegarsi ad Internet utilizzando la Alice 4mbit (protocollo PPPoA).

Il documento è un collage di tante informazioni trovate su internet, in particolare dal sito Cisco e da configurazioni preesistenti, rielaborate con alcune osservazioni personali.
Per qualsiasi tipo di informazione, suggerimento, segnalazione di errori e imprecisioni, feedback e quant’altro potete contattarmi usando i riferimenti presenti su uno dei seguenti siti:
http://www.brainweb.it
http://www.techtown.it
http://www.buzzcoders.com/securnetwork_blog/

LINK ALL’ARTICOLO: Download locale
MIRROR SU TECHTOWN.IT: Mirror1

Nuovo virus prende di mira processori AMD

Alcuni ricercatori della Symantec hanno scoperto quello che sembra essere un nuovo virus (per ora si tratta di un proof of concept) che colpisce i processori piuttosto che i sistemi operativi.

Il worm sarebbe presente in due varianti, una per i sistemi a 32-bit e l’altra per i sistemi a 64-bit di casa AMD.
I virus sono, per il momento, classificati come minaccia a basso rischio, proprio perchè sono ancora proof of concept.

Vincent Weafer, senior director del Symantec Security Response Group ha fatto capire che questo potrebbe dare il là a nuovi worm che col passare del tempo possano girare su diversi sistemi operativi, avendo come target principale invece che il classico XP, i vari tipi di processori.

Se da un lato questa cosa sembra essere alquanto inquietante perchè più a basso livello si riesce a scendere maggior controllo sull’hardware e sulla macchina si hanno, d’altro canto è anche logico pensare che possano sorgere una miriade di inconvenienti per coloro che tentino una simile sfida.
Differenti processori parlano linguaggi molti diversi tra loro (a livello di opcode) e questo si scontra spesso con lo scopo principale di molti virus writers, ossia infettare il maggior numero di macchine possibili.

Il prossimo passo è logico possa essere quello di combinare il codice a 32-bit e quello a 64-bit in un’unica variante.
Weafer ha affermato che il fatto che i virus colpiscano sistemi AMD è quasi sicuramente dovuto al fatto che i chip a 32 e 64 bit di AMD sono molto più simili tra loro di quanto non lo siano le controparti di Intel.

A quanto pare Symantec è riuscita ad entrare in possesso del codice attraverso qualche community underground o canale IRC dove sono soliti riunirsi virus writers.

C’è da aggiungere tuttavia che le due varianti in questione colpiscono sistemi Windows andando ad infettare file eseguibili e ciò di per sè già basterebbe a non definirli come minaccie a livello di processore.
Tuttavia quello che avviene con questi virus è che vengono effettivamente eseguiti dei pezzi di codice a livello assembler processor-specific.

Oggi giorno virus che scendano a cosi’ basso livello sono piuttosto rari, visto che data la predominanza del sistema operativo Windows è molto più semplice e “proficuo” creare minacce che abbiano come target l’o.s.
L’ultima minaccia di questo tipo che ebbe una diffusione su larga scala è stato nel 1998 il virus CIH/Chernobyl che riusci’ a installarsi nel Flash-Bios di svariati milioni di pc. Allora si stimò che il danno provocato ammontasse a circa 250 milioni di dollari.

Fiera di Cerea

Mi son dimenticato di postare in questi ultimi giorni del fatto che son andato a fare un salto con alcuni amici alla fiera dell’elettronica di Cerea (VR) sabato pomeriggio.
Sicuramente meglio della fiera di Gonzaga a cui ero stato con Renzo un po’ di tempo fa.. piu’ grande e più occasioni
Alla fine anche se parti da casa con l’intenzione di non comprare nulla o comunque limitarti, poi quando si arriva li’ è un delitto non prendere qualcosa 😀
Riassumendo gli acquisti:
– cassetto estraibile per hard disk EIDE
– un tubo di pasta termoconduttiva
– set di cacciavitini esagonali (quelli per smontare certi cellulari o hard disk per intenderci)
– controller pci per hard disk (raid 0,1,0+1)
– la classica ciabatta con 6 prese ognuna con proprio interruttore, più uno generale
– 2 printserver segnati da testare… in realtà dopo un paio di reset e un po’ di smanettamenti perfettamente funzionanti
– auricolari per il mio Sony Ericsson T610
– un mouse wireless (regalato)

La notizia sicuramente più bella è stata il fatto che i due print server che ho portato a casa, nello specifico un SURECOM EP-901XUA2 e un GETNET GP-303P li ho pagati 5 euro l’uno.
Come detto erano appunto materiale da testare, diciamo che ho tentato e ho avuto un po’ di fortuna 😉
Certo mi son scelto quelli che sembravano (confenzione e prodotto) messi nelle migliori condizioni… quindi con tutta probabilità provenienti da qualche stock 😛
Penso che probabilmente terrò quello usb visto che potrebbe tornare utile.
Il GetNet con 3 porte parallele con molta probabilità lo venderò su eBay visto e considerato che cercando un po’ su Internet il suo prezzo di mercato sembra stare sui 100 euro circa 🙂

Appuntamento dunque alla prossima fiera sperando di fare ancora affari d’oro così!!
Unica nota negativa della giornata è il fatta che il mio router adsl 3com sembra essere morto… la speranza è che possa essere partito l’alimentatore: devo trovare qualcuno che mi presti un alimentatore universale per verificare.
Ho quindi tirato fuori dalla scatola il Cisco 837 che avevo preso tempo fa su eBay.
Sto finendo di scrivere una miniguida su come configurarlo a puntino per la propria adsl… pubblichero’ il pdf a breve 🙂

Il windows firewall di Vista

Navigando qua e là nel sito di Microsoft mi sono imbattuto in questo interessante documento.
Introduction to Windows Firewall with Advanced Security“: si tratta di un documento Word che parla delle caratteristiche e novità che caratterizzano il nuovo Firewall di Windows Vista, focalizzandosi molto sulla nuova snap-in Windows® Firewall with Advanced Security appunto.

Buona lettura!

Microsoft rilascia la beta di Vista Pre-RC1

Microsoft venerdì ha annunciato una nuova beta di Windows Vista, che funge da aggiornamento ad interim mentre la compagnia termina la Release Candidate 1. La Build 5536 è disponibile ai beta testers tecnici ed agli utenti MSDN, ed include tanti miglioramenti.

“Questa build non è molto distribuita in giro (si deve attendere la RC1) ma serve a sottolineare i progressi che il Dev and Test teams ha compiuto dalla Beta 2, confermando anche che c’è ancora strada da fare per la release della RC1 in un prossimo futuro” così ha scritto Nick White, Microsoft product manager sul blog del Vista Team.

Freedom Downtime

Chi non ha mai sentito parlare di Kevin Mitnick? Nel mondo dell’informatica è praticamente una leggenda… ed è stato definito a lungo “il più grande hacker al mondo”.
Beh sicuramente vi sarà capitato di leggere molte cose su di lui… dagli articoli su riviste… notizie sul web.. mini-racconti delle sue imprese… Ecco bene fate una cosa… cancellate tutto dalla vostra mente… il 99% di quella roba è spazzatura… e ha contribuito al propagarsi di favole o storielle sulle sue malefatte o intrusioni… tanto per citarne un paio l’intrusione al Norad o il caso della Security Pacific. Non parliamo poi del “capolavoro” (è una battuta) di film “TAKEDOWN” che ho visto un anno fa circa….
Se vi interessa avere una visione più chiara dei fatti procuratevi “FREEDOM DOWNTIME“… un documentario su come sono andate le cose realizzato da Emmanuel Goldstein quello di 2600: The Hacker Quarterly (la famosa rivista).

Freedom Downtime

Microsoft offre il suo aiuto per Firefox su Vista

Strano ma vero sembra che Microsoft si sia offerta di aiutare Mozilla Corporation nel porting di Firefox e Thunderbird per Windows Vista.

Sam Ramji, direttore del Microsoft Open Source Software Lab, ha inviato una mail alla mailing list develpment Mozilla offrendo la disponibilitò di accedere al Windows Vista Readiness lab il prossimo dicembre.

Il Vista Readiness lab al campus Microsoft consente agli sviluppatori di testare le applicazioni per individuare eventuali problemi di compatibilità. In caso di necessità ci saranno poi gli ingegneri Microsoft che forninaranno tutte il supporto.

“In passato Microsoft ha invitato unicamente sviluppatori di software commerciale a questi laboratori…” ha scritto Ramji nella mail, continuando “.. L’impegno è quello di evolvere il nostro modo di pensare andando oltre le aziende commerciali e includendo progetti opensource, in questo modo sono riuscito ad ottenere con uno sforzo non banale anche uno spazio per i progetti opensource.”

L’autenticità della mail sembra essere stata confermata anche da un portavoce di Microsoft.

La notizia sembra avere sicuramente dell’incredibile specie se consideriamo che Firefox ha “rosicchiato” una consistente fetta di mercato di Internet Explorer negli ultimi anni, andando a toccare la percentuale record del 13%.

Apple MacBook Pro: update al firmware

Apple ha rilasciato un upgrade per il firmware della linea MacBook in seguito a proteste di utenti che riscontravano un eccessivo rumore e surriscaldamento.

L’SMC Firmware Update infatti sistema il “comportamento della ventola” del MacBook.
Non è ancora ben chiaro come ciò avvenga, ma a quanto pare il fix consentirebbe alla ventola di funzionare in “maniera silenziosa”.

Alcuni utenti hanno riportato che dopo l’applicazione dell’update la temperatura sarebbe scesa fino a 20° C.

Apple ha avuto problemi simili con la linea MacBook Pro, quando utenti hanno riscontrato problemi di temperatura e al sonoro. Anche in quel caso un update firmware fu rilasciato e sembra abbia risolto il problema.

Maggiori informazioni su come effettuare l’update del firmware possono essere trovate direttamente sul sito di Apple.