Rifiutato l'ingresso negli USA ad esperto di sicurezza tedesco

Ha dell’incredibile quello che è successo all’esperto di sicurezza e reverse engineer tedesco Thomas Dullien di Sabre Labs, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Halvar Flake.
Secondo quanto si apprende dalle pagine del suo blog gli sarebbe stato rifiutato l’ingresso neglio Stati Uniti in vista dell’imminente conferenza Black Hat. 
Dopo un colloquio di ben 4 ore e mezza con le autorità per l’immigrazione, è stato rispedito a casa.
Flake era stato ingaggiato dagli organizzatori della conferenza per tenere una sessione dal titolo “Analyzing Software for Security Vulnerabilities” all’interno di una serie di training sessions pre-conferenza.
Stando a quanto scrive Flake nel suo blog, tra le altre cose avrebbero dovuto prendere parte alla sessione anche numerosi esponenti di agenzie governative.

Apparentemente gli è stato rifiutato l’ingresso non essendo in possesso di una H1B visa, richiesta per attività di questo tipo.
Dullien ha fatto notare come abbia viaggiato più volte e per anni, per partecipare a precedenti sessioni di training Black Hat senza visa e secondo i termini del visa waiver program.
Le autorità per l’immigrazione hanno risposto che è stato semplicemente fortunato a non essere fermato prima, perchè dal loro punto di vista, lui è stato un impiegato della conferenza Black Hat per quei periodi di tempo.
Il fattore negativo che questa volta sembra abbia influenzato la “fortuna” di Dullien è il fatto che stesse portando con se’ nel bagaglio (controllato dalle autorità) documentazione per la sessione di training.
Sempre dalle pagine del blog Flake scrive come il problema più grosso sia risultato il fatto che l’accordo contrattuale era tra lui (persona individuale) e Black Hat. Se il legame fosse stato invece tra Black Hat e lui, come dipendente per la società Sabre Labs, tutto questo non sarebbe successo.
Tra le altre cose, sembra che gli ufficiali dell’immigrazione gli abbiano chiesto più e più volte per quale motivo la sessione di training non fosse tenuta da un cittadino americano. Questa cosa ha assolutamente del ridicolo!
Flake ha intenzione adesso di far richiesta di una business visa, che purtroppo richiede pero’ tempo molto variabili, dai 4 giorni alle 6 settimane.
Non è invece ancora molto chiaro che terrà il corso, il cui costo si aggira sui 2400$.

LINKS:
I’ve been denied entry to the US essentially for carrying my trainings material, blog entry by Halvar Flake
German security specialist refused entry to the USA, news by Heise-Security

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *