Apple MacBook Pro: update al firmware

Apple ha rilasciato un upgrade per il firmware della linea MacBook in seguito a proteste di utenti che riscontravano un eccessivo rumore e surriscaldamento.

L’SMC Firmware Update infatti sistema il “comportamento della ventola” del MacBook.
Non è ancora ben chiaro come ciò avvenga, ma a quanto pare il fix consentirebbe alla ventola di funzionare in “maniera silenziosa”.

Alcuni utenti hanno riportato che dopo l’applicazione dell’update la temperatura sarebbe scesa fino a 20° C.

Apple ha avuto problemi simili con la linea MacBook Pro, quando utenti hanno riscontrato problemi di temperatura e al sonoro. Anche in quel caso un update firmware fu rilasciato e sembra abbia risolto il problema.

Maggiori informazioni su come effettuare l’update del firmware possono essere trovate direttamente sul sito di Apple.

Chiarimenti sulla vulnerabilità del Macbook di Apple

Nei giorni scorsi sono circolati in rete numerosi post e news che riportavano titoli del tipo “Hack a Mac in 60 seconds” o “Hijacking a Macbook in 60 Seconds or Less”.
In sostanza quello che era successo è che alla conferenza Black Hat tenutasi a Las Vegas due ricercatori avevano dimostrato come fosse possibile prendere possesso si un MacBook, nel giro di 60 secondi.

David Maynor e Jon Ellch, entrambi di SecureWorks, hanno mostrato come fosse possibile sfruttare le vulnerabilità di differenti device drivers di varie schede wireless, anche di quella che si pensava fosse di Apple.

Nonostante questa notizia sia rimbalzata in maniera incredibile, facendo credere che si trattasse per l’appunto dei driver wireless di Apple, i due ricercatori hanno reso noto che in realtà l’attacco era stato portato sfruttato un software di terze parti, e non quello di Apple.

“La presentazione video al Black Hat dimostra vulnerabilità riscontrate in diversi device drivers wireless” ha annunciato SecureWorks.

“Anche se è stato usato un Apple MacBook come piattaforma demo, questa è stata compromessa sfruttando un driver di terze parti, e non il driver wireless originale del MacBook”

SecureWorks conclude infine affermando che “non specificherà il nome del produttore software del driver, fino a quando non sarà sicura che sia stata rilasciata una patch”.