CentOs, LaTeX e localizzazione…

In questi giorni mi è capitato di cominciare ad imparare LaTeX… anche se la documentazione riguardo questo linguaggio è abbondante (vi lasciero’ poi dei riferimenti), il primo scoglio in cui mi son dovuto imbattere son stati gli accenti…
E’ naturale che quello che dirò a qualcuno potrà essere utile, a qualcun altro no… tutto dipende dall’ambiente sottostante con cui si lavora, in particolar modo per quanto riguarda le impostazioni sulla localizzazione… nel nostro caso la distribuzione Linux in questione è CentOS 4.3 (in pratica la Red Hat Enterprise Edition in versione gratuita!).

Al solito il primo documento che ho provato a creare è stato una specie di “Hello World!”, come per qualsiasi altro linguaggio di programmazione.
Nella fattispecie il testo del mio documento.tex era:

documentclass[a4paper,11pt]{article}usepackage[italian]{babel}
usepackage[latin1]{inputenc}

begin{document}

Questo è il mio primo documento con LaTeX.

end{document}

L’uso della codifica [latin1] dovrebbe consentire di usare i caratteri dello standard ISO-8859-1 e quindi anche le famigerate lettere accentate… tuttavia nulla da fare…dando il comando “pdflatex documento.tex” si ottengono degli errori e il pdf prodotto lo dimostra:


Il problema era sostanzialmente legato al fatto che la localizzazione del sistema utilizzava una codifica UTF-8.
Digitando infatti il comando “locale” veniva visualizzato il seguente output:

[mrabbi@linuxbox es1]$ locale
LANG=it_IT.UTF-8
LC_CTYPE=”it_IT.UTF-8″
LC_NUMERIC=”it_IT.UTF-8″
LC_TIME=”it_IT.UTF-8″
LC_COLLATE=”it_IT.UTF-8″
LC_MONETARY=”it_IT.UTF-8″
LC_MESSAGES=”it_IT.UTF-8″
LC_PAPER=”it_IT.UTF-8″
LC_NAME=”it_IT.UTF-8″
LC_ADDRESS=”it_IT.UTF-8″
LC_TELEPHONE=”it_IT.UTF-8″
LC_MEASUREMENT=”it_IT.UTF-8″
LC_IDENTIFICATION=”it_IT.UTF-8″
LC_ALL=

Questo significa che quando creiamo e salviamo un file la codifica dei caratteri utilizzata è appunto di tipo “it_IT.UTF-8”, che differisce dalla Latin1 o ISO-8859-1.
Per ovviare quindi al problema e poter ottenere dei pdf puliti ci sono varie soluzioni e di seguito le elencherò.

#SOLUZIONE 1: Salvataggio del file con codifica dei caratteri diversa.
A seconda di che tipo di editor di testi usiate è possibile che in fase di salvataggio questo possa darvi la possibilità di salvare il file con codifiche di caratteri diversi.
Nel mio caso stavo usando gedit e come potete vedere dall’immagine qui sotto era possibile selezionare la codifica “locale” ovvero quella UTF-8 oppure quella “occidentale” il latin9 ovvero ISO-8859-15.

Ma non avevamo detto codifica latin1? Qui invece stiamo salvando il file con codifica latin9.
In realtà questi due sets di caratteri della famiglia ISO-8859 differiscono di poco l’uno dall’altro come è possibile leggere in questa pagina.
Ecco quindi che se salviamo il file con codifica latin9 e poi proviamo a ridare il comando “pdflatex documento.tex” otteniamo un output perfettamente leggibile.

#SOLUZIONE 2: Modificare le impostazioni di localizzazione
Visto che come abbiamo già detto sono le impostazioni di localizzazione il problema vediamo di adottare quelle corrette.
Per far questo apriamo nella nostra home il file .bash_profile e gli aggiungiamo le seguenti righe:

export LC_ALL=”it_IT”
export LANG=”it_IT”

In questa maniera utilizziamo la codifica italiana predefinita.

#SOLUZIONE 3: Installare il supporto UTF-8 per LaTeX
L’ultima soluzione possibile è quella di utilizzare la codifica UNICODE UTF-8 all’interno del nostro documento.tex.
Per far ciò è necessario prima installare il pacchetto prelevabile a questo indirizzo oppure presso il CTAN.
Poi nel nostro documento.tex potremo cambiare la riga:

usepackage[latin1]{inputenc}

in

usepackage[utf8x]{inputenc}

Spero che queste semplici informazioni possano esservi utili.
Come anticipato vi lascio un po’ di riferimenti su LaTeX.

SITOGRAFIA E RIFERIMENTI

2 thoughts on “CentOs, LaTeX e localizzazione…

  1. davvero utile! proprio quello che cercavo 🙂

    bye

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *