Disponibile iPhone OS 3.1

Apple ha rilasciato la nuova versione del proprio sistema operativo per iPhone e iPod touch: disponibili infatti iPhone OS 3.1 e iPhone OS 3.1.1 rispettivamente.
L’aggiornamento è piuttosto corposo, all’incirca 300MB, e porta con sé numerosi miglioramenti, funzionalità e soprattutto bug fixing legati alla sicurezza.

La nuova versione migliora le informazioni per l’utente in fase di installazione applicazioni che facciano affidamento su altre già presenti nel dispositivo. Migliorate le performace Wi-Fi con Bluetooth attivo. Safari Mobile ha ora una nuova funzionalità anti-phishing.

La maggioranza degli aggiornamenti di sicurezza sono legati a errori in WebKit che consente l’injection e esecuzione di codice malevole nel dispositivo quando un utente visita determinati siti.
Incluso nel pacchetto anche l’aggiornamento riguardante il famoso bug degli SMS già corretto nella release 3.0.1 di inizio agosto.

Gli utenti iPod touch che non hanno ancora aggiornato alla versione iPhone OS 3.x, possono farlo ora comprando l’update su iTunes Store a 4.95$.

Apple patcha il bug degli SMS di iPhone

All’inizio di questo mese avevamo posto l’attenzione su una scoperta fatta da Charlie Miller riguardante l’errato parsing degli SMS da parte dell’iPhone.
Ulteriori dettagli sono stati rilasciati nell’arco della conferenza BlackHat tenutasi a Las Vegas nei giorni scorsi, evidenziando come non solo iPhone ma anche Android e Windows Mobile siano in pericolo.

Per quanto riguarda iPhone, Apple ha rilasciato nella giornata di venerdì 31 luglio la versione aggiornata del firmware, la 3.0.1.
Tutti i dettagli in questa pagina relativa al security update.

Pericolo iPhone: crash o exploit?

Charlie Miller, security researcher presso Independent Security Evaluators, ha dimostrato che sfruttando un bug nella modalità di parsing SMS dell’iPhone è possibile disconnettere il dispositivo dal network dell’operatore.
Miller è ancora alla ricerca di una maniera per sfruttare la vulnerabilità per eseguire codice remoto.
Laddove l’exploit risultasse praticabile si aprirebbero scenari abbastanza preoccupanti: iPhone zombie che possono essere monitorati/localizzati (sfruttando il gps integrato) o usati come “microspie” grazie al microfono integrato.

La scoperta è stata presentata alla conferenza SyScan a Singapore nella giornata di ieri e ulteriori dettagli verranno rilasciati in occasione del Black Hat in programma a Las Vegas verso la fine di questo mese.
Fondamentale nella scoperta del bug anche Colin Mulliner.

APPROFONDIMENTI:
iPhone crashing bug could lead to serious exploit, by The Register